mercoledì 12 novembre 2014

L'evoluzione dell'inglese nel mondo, secondo e oltre il modello dinamico

The evolution of Englishes : the dynamic model and beyond / edited by Sarah Buschfeld ... [et al.]
Amsterdam ; Philadelphia : Benjamins, 2014
Lo trovi in Ca' Foscari BALI-Scienze del Linguaggio
Collocazione L.IE G.Ing BUSC
Controlla qui la disponibilità



Il volume è un omaggio al lavoro di Edgar Schneider, docente all’Università di Regensburg, uno dei più autorevoli studiosi delle varietà linguistiche dell’inglese nel mondo, autore di “Postcolonial English : varieties around the world” (Cambridge, 2007) e “English around the world” (Cambridge UP, 2011), nonché curatore dei 2 volumi “A handbook of varieties of English : a multimedia reference tool” (De Gruyter, 2004).
Nel campo della sociolinguistica, è conosciuto soprattutto per la sua formulazione del “modello dinamico” dell’inglese postcoloniale ( “The dynamics of New English”, 2003), che spiegherebbe l’evoluzione del linguaggio in una prospettiva evoluzionistica, come un processo di "concorrenza e selezione", cadenzato da 5 specifiche tappe (Foundation, Exonormative stabilization, Nativization, Endonormative stabilization, Differentiation). Richiamando il modello dinamico di Schneider, il libro è diviso in 2 parti: The Dynamic Model e Beyond the Dynamic Model: Empirical and theoretical perspectives on World Englishes.

I 27 studi linguistici e contributi gettano luce sull'evoluzione dei diversi Englishes mondiali da un ampio spettro di prospettive, tra cui i due approcci sincronico e diacronico.
Nella parte 1. viene discusso e raffinato il modello dinamico di Schneider attraverso casi di studio che interessano regioni (socio) linguisticamente diverse come il Sud Africa, il Ghana, le Filippine, l’Australia, Cipro o la Germania.
La parte 2. va oltre il modello dinamico e offre prospettive empiriche e teoriche sull'evoluzione del World Englishes, con contributi sui singoli Englishes provenienti da diverse regioni geografiche (USA, Asia e Africa) e sulle nuove prospettive di studio delle “old varieties”.
Indice dei contenuti consultabile sul sito dell'editore

Nessun commento:

Posta un commento